Ragusa: Le 5 cose da vedere

ragusa ibla

Se stai programmando un viaggio sulla costa orientale della Sicilia, uno dei luoghi che dovresti visitare è la città di Ragusa. Questa bellissima città costiera è famosa per il suo straordinario patrimonio storico.
È il luogo perfetto dove trascorrere qualche giorno durante il tuo viaggio in Sicilia. Situata nel sud-est della Sicilia, nella Val di Noto, Ragusa è una delle città in stile barocco che sono state ricostruite dopo un disastroso terremoto nel 17° secolo.

Ragusa Ibla (Città Vecchia)

ragusa ibla barocco

Si pensa che il centro storico di Ragusa sia il sito della città originale di Hybla e, in seguito, del greco Hybla Heraia. Come la nuova città sopra, questo tranquillo quartiere di strade strette e tortuose è stato in gran parte ricostruito in stile barocco dopo il terremoto del 1693.
Quindi vedrai molti esempi di architettura del 18 ° secolo sparsi tra gli altri edifici sopravvissuti prima del terremoto e persino alcune tracce di strutture antiche.
Da Piazza della Repubblica, un’ampia rampa di scale conduce alla chiesa barocca dell’Anime del Purgatorio. Nelle vicinanze si trovano due palazzi settecenteschi, Palazzo Cosentini e Palazzo Bertini.

Cattedrale di San Giorgio

Cattedrale di San Giorgio ragusa

La Cattedrale di San Giorgio è stata progettata nel 1738 dall’architetto siciliano Rosario Gagliardi. La sua grande facciata è elevata su una maestosa scalinata che la evidenzia ancora di più e la rende una delle icone di Ragusa.
Sorgendo verso il cielo puro della Sicilia, una grande cupola neoclassica incorona il piano a croce latina del Duomo e lo rende distinguibile da quasi ogni angolo della città. Nella sagrestia del Duomo è conservato anche ciò che resta dell’altare gotico di San Giorgio Vecchio, opera del 1450 realizzata dalla famiglia Gagini e che mostra il valore della vecchia chiesa distrutta dal terremoto.
Nell’annesso Museo del Duomo ci sono diversi oggetti archeologici e sacri della città, ma in particolare spiccano i piani che Gagliardi ha disegnato per la costruzione della cattedrale. Diverse immagini mostrano San Giorgio che uccide il drago. Come patrono della città è venerato soprattutto durante la sua festa, il 23 aprile, che a Ragusa dura 3 giorni. Quindi, la figura lignea policroma su uno dei portali d’ingresso della Cattedrale viene attraversata in processione per la città da confraternite di uomini.
Si trova nella Piazza Duomo, 97100 Ragusa RG.

Chiesa di San Giuseppe

Chiesa di San Giuseppe ragusa

La chiesa dedicata a San Giuseppe fu progettata anche da Rosario Gagliardi, con una facciata curva dinamica simile alla sua chiesa di San Giorgio. A coronare il portale semicircolare ci sono statue di quattro santi, e altri santi stanno nella finestra ad arco sopra. Il frontone sopra di essi è decorato con volute e svolazzi intagliati.
Si trova in Via Valverde, 9, 97100 Ragusa RG.

Chiesa di Santa Maria dell’Itria

Chiesa di Santa Maria dellItria ragusa

Tra i luoghi più belli di Ragusa c’è il campanile a cupola blu della chiesa di Santa Maria dell’Itria. Sotto la cupola blu cobalto c’è un tamburo ottagonale con otto pannelli in terracotta policroma decorati con disegni di fiori in stile rococò.
Disegni floreali sono anche scolpiti nei portali e riecheggiano nel più antico dei cinque altari interni nelle navate laterali, dove ghirlande di fiori e frutti decorano le colonne a spirale. La chiesa, che si trova nel vecchio quartiere ebraico della città, fu fondata nel 14 ° secolo dai Cavalieri di Malta.
Si trova nella Salita Commendatore, 97100 Ragusa RG

Chiesa delle Santissime Anime del Purgatorio

Chiesa delle Santissime Anime del Purgatorio ragusa

La facciata barocca della chiesa delle Anime Sacre si erge in cima a una lunga e ampia scala. L’ingresso della chiesa è scolpito con disegni di piante, sopra i quali sono presenti rilievi che mostrano le anime del Purgatorio. Gli altri portali sono falsi (interpretati nel senso che esiste un solo vero gateway per il paradiso).
Si trova nella Piazza della Repubblica, 2, 97100 Ragusa RG
<<<<Enna: Le 5 cose da vedere>>>>
enna
, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *