Ricetta Pasta co’ finocchiu rizzu

La pasta co’ finocchiu rizzu è una pietanza sicula. Nonostante di provincia in provincia la ricetta cambi un po’, l’elemento che domina nel piatto è senza ombra di dubbio il finocchietto selvatico, facile da raccogliere e spiccatamente aromatico. Ecco, quindi, la ricetta perfetta per la pasta co’ finocchiu rizzu. Ingredienti per 4 persone: – 320…

pasta co’ finocchiu rizzu

La pasta co’ finocchiu rizzu è una pietanza sicula.

Nonostante di provincia in provincia la ricetta cambi un po’, l’elemento che domina nel piatto è senza ombra di dubbio il finocchietto selvatico, facile da raccogliere e spiccatamente aromatico. Ecco, quindi, la ricetta perfetta per la pasta co’ finocchiu rizzu.
Ingredienti per 4 persone:
– 320 grammi di pasta corta (le pennette rigate vanno benissimo);
– 350 grammi di acciughe;
– 100 grammi di finocchietto selvatico;
– un cucchiaio di concentrato di pomodoro;
– uno spicchio d’aglio;
– sale, pepe e olio extravergine q. b.
– pan grattato (per la mollica).
Procedimento
Innanzitutto pulire i finocchietti e portarli a ebollizione per 10 minuti circa. Scolare (conservando un po’ d’acqua, che potrà essere usata tutta o in parte per cuocere la pasta) e mettere da parte.
In una padella antiaderente, soffriggi l’aglio con un po’ d’olio e, quando questo diventa scuro, rimuovilo delicatamente; aggiungi all’olio ancora caldo – a fuoco basso – le acciughe (lasciandone però una da parte). Quando le acciughe si sono sgretolate, asciuga bene il finocchietto e aggiungilo in padella.
Mentre le acciughe si sciolgono nella padella più grande, riscalda dell’olio in una padellina più piccola e, quando questo è caldo, adagia la restante acciuga. Una volta che anche questa si è sciolta, aggiungi il pan grattato, sale e pepe e, con un cucchiaio di legno, mescola finché non si formano grumi di colore bruno (attenzione, però, a non farlo bruciare).
In una casseruola, infine, portare l’acqua salata a ebollizione e cuocerla; quando la pasta è cotta, scola e versa nella padella più grande, aggiungendo solo in secondo momento la mollica. Fai saltare per qualche istante a fiamma vivace e servi il piatto.
Delle varianti prevedono anche l’aggiunta di pomodori secchi e pinoli, a proprio piacimento.

<<<<Scopri le ricette di CataniaBlog>>>>


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *