Ruderi del Tempio di SantEuplio

Ruderi del Tempio di Sant’Euplio

Un po’ di storia

Risale al XVI secolo la costruzione della Chiesa di Sant’Euplio a Catania, nel quartiere Porta di Aci, Chiesa dedicata al Santo co-patrono della città siciliana insieme a Sant’Agata.
La costruzione, eretta su di una piccola basilica paleocristiana, è situata in una zona risalente ad un foro romano in cui permangono moltissimi resti archeologici dal valore storico inestimabile.
Euplio fu un giovane patrizio dedito allo studio dei Vangeli, nel IV secolo d.C. ancora proibiti, che non rinnegò la propria fede nemmeno d’innanzi al governatore romano in Sicilia, Calvisiano. Questa devozione gli costò la vita per decapitazione, dopo esser stato torturato. Fu ricordato nei tempi avvenire come martire e a lui fu intitolata la Chiesa omonima in quel di Catania.
La Chiesa di Sant’Euplio fu bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale e della sua architettura rimangono solo il transetto e, dell’unica navata, solo la parete destra al di sotto della quale si trova la cripta.

Cosa è possibile visitare


E’ dal novembre 2016 che, grazie all’iniziativa “Notte dei Musei“, è possibile visitare nuovamente la cripta posta proprio sotto l’unica e principale navata della Chiesa di Sant’Euplio.
Chiesa di SantEuplio a Catania
La cripta è divenuta nel tempo, proprio a causa dei bombardamenti risalenti al 1943 che distrussero il tempio, un luogo in cui ricordare tutti i martiri e tutte le vittime innocenti di tutte le guerre.
La Chiesa risulta praticamente totalmente distrutta, ad eccezion fatta di qualche affresco visibile e due semi-colonne corinzie su cui sono stati posizionati i calchi rappresentativi dei dodici apostoli.
La cripta sottostante i ruderi del Tempio di Sant’Euplio, ricavata sostanzialmente dalla roccia, è visitabile scendendo i ripidi gradini che conducono ai vani in cui un tempo sorgeva la piccola basilica paleocristiana, accompagnati e autorizzati dalle guide del posto.
All’interno della cripta è ancora visibile un leggio costituito da un piccolo pilastro in stile corinzio ma purtroppo non più l’affresco alle spalle dell’altare che rappresentava proprio il martire Sant’Euplio insieme al vescovo Serapione, resistito fino agli anni cinquanta del XX secolo.

Dove trovare i ruderi del Tempio di Sant’Euplio

I ruderi del Tempio di Sant’Euplio sono visitabili a Catania, in Via Sant’Euplio numero 29: si tratta di un vero e proprio museo “a cielo aperto”, in cui scoprire storia e valori risalenti a centinaia di anni fa.
La cripta, invece, non è sempre visitabile

Quando accedervi

Il 12 agosto di ogni anno, in occasione dell’anniversario del martirio di Sant’Euplio, si può accedere alla cripta e si può anche assistere, tra i resti della Chiesa superiore, alla messa celebrativa in memoria del santo martire.


Pubblicato

in

,

da

Tag:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *