Pane caldo condito

Resistere alla tentazione di assaggiare questo piatto della tradizione della cucina catanese è una cosa praticamente impossibile. Il pane condito, o pane cunzato, per dirlo alla siciliana, è uno dei piatti più semplici e allo stesso tempo gustosi che troverete in città. Se si vuole sperimentare a casa questa pietanza è di fondamentale importanza avere…

Pane caldo condito
Resistere alla tentazione di assaggiare questo piatto della tradizione della cucina catanese è una cosa praticamente impossibile. Il pane condito, o pane cunzato, per dirlo alla siciliana, è uno dei piatti più semplici e allo stesso tempo gustosi che troverete in città.
Se si vuole sperimentare a casa questa pietanza è di fondamentale importanza avere le materie prime di qualità. È infatti un piatto talmente frugale che la sua buona riuscita dipende esclusivamente dalla genuinità degli ingredienti, e la Sicilia in quanto a eccellenze alimentari primarie è fuoriclasse.
Per la preparazione, dicevamo, bisogna anzitutto tagliare dell’ottimo pane bello caldo in senso orizzontale, meglio ancora se anziché utilizzare un coltello si ricorre a uno spago pulito (piccolo segreto della tradizione).
pane condito
A questo punto entrano in gioco olio extra vergine di oliva a crudo, sale e pepe, da spargere su tutta la mollica delle due fette di pane. Teoricamente questi pochi passaggi sarebbero già sufficienti per gustare un pane caldo condito eccezionale, ma si può anche dare libero sfogo alla fantasia aggiungendo altri ingredienti, sempre di prima qualità, come olive nere snocciolate e tagliate a pezzetti, filetti di acciuga, pomodorini a spicchi, formaggi come il prelibato primo sale siciliano oppure del saporito caciocavallo, fresco o stagionato a seconda dei gusti personali. Il tutto arricchito da del profumatissimo origano.
Il pane caldo condito rappresenta l’essenza della cultura culinaria catanese tradizionale: pochi ingredienti per un tripudio per le papille gustative.
***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *