La storia dei Faraglioni di Aci Trezza

0
116
Aci-Trezza

Acitrezza e i Faraglioni: un incanto nel passato e nel presente

Sono moltissimi i motivi per visitare Aci Trezza, in Sicilia, e godere della vista dei suoi meravigliosi Faraglioni. In primis, è proprio a Aci Trezza che è ambientata la tormentata storia de “I Malavoglia”, capolavoro di Giovanni Verga, che vede le enormi difficoltà dei protagonisti per emergere nella società.
Eppure, la presenza del piccolo paesino in provincia di Catania nella letteratura ha radici molto radicate nel tempo. Basti pensare che di Aci Trezza se ne parla anche nell’Odissea, seppur in termini diversi.
la storia di acitrezza
La leggenda dei Faraglioni di Aci Trezza
Secondo la leggenda, il prode Ulisse sarebbe sbarcato in Sicilia, attirato dalle risorse di questa terra e, spinto dalla curiosità, avrebbe deciso di entrare nella grotta di Polifemo, ciclope che produceva fulmini nell’Etna. Secondo la leggenda, il mostro sarebbe stato accecato da Ulisse in seguito a un inganno e, per vendicarsi dell’azione, avrebbe deciso di lanciare grossi massi in mare contro la flotta di Ulisse, ormai in fuga. Proprio da questo evento, secondo la storia, sarebbero nati gli spettacolari Faraglioni, uno dei quali è una riserva naturale.
Dal punto di vista geologico, la situazione è ben diversa da quella narrata da Omero. Sembra infatti che l’arcipelago sia nato circa mezzo milione di anni fa, a causa di un’intensa attività vulcanica (probabilmente da ricondurre allo stesso Etna), e che siano poi stati modellati nel corso dei millenni.
Al di là della storia che è all’origine dei Faraglioni, vera o leggendaria che sia, è indubbio che questi regalano uno spettacolo inimitabile al panorama di Aci Trezza.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here