Entra l’ora legale: Ecco cosa cambia

Entra l’ora legale: Ecco cosa cambia

Domenica 27 Marzo 2022 alle due di notte la lancetta salta un ora e passa direttamente alle tre, siamo entrati nell’ora legale, ma cosa cambia?

Il primo cambiamento che viene in mente è sicuramente ‘questa notte dormirò un ora in meno’.Perché allora si è deciso di fare questo cambiamento?
La prima proposta di relativa al cambio dell’ora risale a pochi anni prima della rivoluzione francese, da parte di un padre fondatore americano, Benjamin Franklin durante un suo viaggio a Parigi. Il politico americano era un grande appassionato della scienza(infatti viene ricordato anche per la sua invenzione del parafulmine)e fu proprio nel saggio ‘Un progetto economico per diminuire il costo della luce’ che propose il cambiamento. Nel 1907 la proposta di Benjamin Franklin fu riconsiderata da William Willett, durante una riunione alla Camera dei Comuni britannica. Data la situazione di guerra e quindi il bisogno di risparmio energetico nel 1916 questa proposta divenne realtà in Italia,nel Regno Unito e in parte dell’Europa. In Italia l’ora legale ha avuto degli alti e bassi infatti fu più volte soppressa per poi essere reintrodotta durante il periodo delle guerre, per poi a partire dal 1966 essere reintrodotta in maniera permanente fino ai giorni d’oggi.
In questi ultimi anni il tema dell’ora legale ha destato varie opinioni a riguardo della sua funzionalità.Infatti molti ritengono l’ora legale inutile, perché a differenza del periodo della sua introduzione e cioè del risparmio energetico oggi tale risparmio è compromesso dal fatto che nelle ore notturne una moltitudine di apparecchi elettrici e costantemente accesa. Questo argomento dibattuto in varie nazioni europee può essere abolito solamente dall’Unione europea per via delle sue competenze.

Un altro aspetto riguardante il cambio orario, avvertito dagli esperti, è un cambiamento che comporta uno squilibrio al nostro bioritmo(un mini jet-leg)

cambio ora legale

Che può perdurare per un periodo di qualche settimana. Questo potrebbe causare alcuni effetti per la nostra salute come stanchezza e maggior irritabilità nel campo lavorativo, il problema può essere risolto con maggiori momenti di relax e cercando di rimanere più calmi. Non tutti i paese del mondo adottando il cambiamento d’orario, infatti i Paesi limitrofi all’equatore non adottano il cambiamento perché la differenza degli orari di luce è minima al punto che un cambiamento non è necessario. Molti paese asiatici e grande parte dell’Africa non adotta questa modifica. Mentre per quanto riguarda l’America più settentrionale sono fuori da questa convenzione le isole Hawai e lo stato dell’Arizona(questo senza una spiegazione a riguardo).

Per quanto riguarda la parte del pianeta appartenente all’emisfero australe ha un cambio di orario invertito,

ora legale

ciò significa che quando noi andiamo avanti di un ora loro vanno indietro mentre quando noi andiamo indietro loro vanno avanti.Un altro stato che ha preso delle importanti decisioni a riguardo dell’ora legale è la Russia, che nel 2014, ha deciso di renderla permanente. Un elemento positivo dell’ora, per quanto riguarda il settore economico, è che secondo alcune statistiche riguardanti dei dati che vanno dal 2004 al 2012 indicano che durante il periodo di orario legale si ha un risparmio energetico pari a sei miliardi di euro(questi dati riguardano solo l’Italia). Tornando al discorso riguardante l’abolizione dell’ora legale, durante il 2018 l’84% dei cittadini appartenenti all’Unione Europea si sono schierati a favore dell’eliminazione del cambiamento d’orario attraverso delle consultazioni online.Questa forte richiesta ha fatto si che la Commissione Europea passasse una proposta di legge dove indica che ogni stato possiede la possibilità di abolire o tenere l’ora legale. In tal caso verranno effettuati dei referendum nei vari Stati dove sarà data la possibilità di scegliere:Ora legale si?Oppure ora legale no?
<<< Scopri le Curiosità di Catania >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.