Catania Ragusa 3-0, prima vittoria del 2023

Catania Ragusa 3 0

I rossazzurri aprono il nuovo anno all’insegna di quanto fatto nel vecchio e sbrigano la pratica relativa alla nuova partita dell’anno con grande scioltezza. Catania Ragusa finisce 3-0, una vittoria che lascia poco spazio alle critiche e che conferma lo strapotere in casa, con 10 vittorie su 10 gare disputate. Anche in classifica la situazione arride ai rossazzurri, saldamente in vetta con un netto +12 punti sulle due seconde, momentaneamente appaiate, Locri e Lamezia Terme. Con il primato praticamente mai in discussione, il miglior attacco del campionato e la miglior difesa, il Catania si avvia a recitare una parte da protagonista anche in questa seconda parte del campionato.

Catania Ragusa 3-0

Prima dell’ultima partita del Catania SSD viene esposto l’eloquente striscione che recita la parola Pace. Osservato anche un minuto di silenzio per Gianluca Vialli, recentemente scomparso a seguito di un tumore al pancreas.

Catania Ragusa

Partita a senso unico, col Catania in grado di produrre moltissime occasioni da gol. La prima a concretizzarsi è su rigore al 21′, a seguito di un’azione confusionaria dopo un calcio d’angolo. A siglare la rete è il capitano Ciccio Lodi, uno specialista dei calci piazzati; in particolare, sono 63 le reti su rigore per il centrocampista rossazzurro. La contestuale espulsione di Cess mette la partita in discesa per il Catania SSD, col raddoppio che parte da un’azione manovrata al limite dell’area; dopo il cross ribatutto, il Catania torna in possesso e fraseggia al limitare dell’area. L’imbucata arriva e, in virtù della regola del vantaggio, Chiarella conclude a rete battendo Truppo.

Il Catania insiste e cerca con forza la terza rete, centrando anche una clamorosa traversa. Non dovrà attendere molto: Russotto riceve sulla fascia e battaglia con due giocatori, scaricando una velleitaria conclusione in porta – che però diviene rete solo grazie alla involontaria complicità di Truppo. Il secondo tempo è meno animato, non solo per l’assenza di reti; il Catania gestisce il vantaggio, pur mantenendo il copione invariato. Il Ragusa va vicino al gol in una sola occasione.

Catania Ragusa 3-0 il tabellino

Risultato ultima partita Catania 3 Ragusa 0, marcatori: pt 21’ Lodi su rigore, 30’ Chiarella, 38’ An. Russotto.

Catania Ragusa 3 0 vittoria

Catania (4-3-3): 22 Groaz; 5 Rapisarda (46’st 16 Al. Russotto), 4 Somma, 27 Castellini, 2 Boccia; 18 Rizzo (VK), 10 Lodi (K) (42’st 8 Di Grazia), 23 Palermo; 31 Chiarella (34’st 21 Pedicone), 99 Sarao (29’st 17 De Luca), 7 An. Russotto (21’st 32 Giovinco). A disposizione: 1 Bethers; 13 Ferrara; 14 Bani; 15 Privitera. Allenatore: Ferraro.

Ragusa (3-5-2): 19 Truppo; 13 Falla (14’st 35 G. Strumbo), 46 Pertosa, 5 D. Strumbo (6’st 24 Messina); 16 Vitelli. (34’st 6 Napoli), 15 Cess, 28 Iseppon, 18 Distefano (6’st 4 Floro Valenca), 11 Cacciola (VK); 90 Varela, 10 Grasso (K) (6’st 7 Manfrè Cataldi). A disposizione: 12 Pitarresi; 8 Gozzo, 2 Bozzanga; 21 Alili. Allenatore: Raciti.

Arbitro: Silvio Torreggiani (Civitavecchia). Assistenti: Pietro Bennici (Agrigento) e Stefano Vito Martinelli (Potenza).

Ammoniti: Pertosa, Messina (R). Espulso Cess al 19’pt.

Ferraro: “Giusto spirito”

Soddisfatto l’allenatore dei rossazzurri Ferraro «Ho a disposizione una grande squadra, ho visto tanta determinazione: voglio vedere sempre questa voglia! Abbiamo fatto una buona gara, il primo tempo lo abbiamo giocato alla grande. Cerchiamo sempre di giocare a calcio sfruttando le nostre prerogative. Ci godiamo questa vittoria ma non ci facciamo ammaliare dalla classifica. Siamo carichi».

Catania Ragusa pace

«La maglia verde? Ci hanno chiesto di cambiare maglia perché l’altra si confondeva con quella della squadra, ho optato per questo colore. Groaz in porta ha fatto bene, chiunque gioca come abbiamo visto riesce a dare un buon contributo. Con questa mentalità possiamo andare lontano, ci giochiamo qualcosa di importante: lo sappiamo. Mantenere un gruppo con tanti calciatori importanti è la vera forza di questo Catania, loro sono straordinari e anche la società ci dà tutto, davvero tutto, per fare bene. Vogliamo ripartire martedì, più forte di prima».

Anche Chiarella, oggi autore di una delle reti, è stato sentito a fine gara ai microfoni di Telecolor. Un goal che spezza il digiuno dopo il momento difficile dovuto a lungo stop per infortunio. «Un goal che significa tanto per me. Faccio di tutto per essere utile alla squadra, dobbiamo tutti fare il massimo per guadagnare un posto in questo Catania, vista la forza di tutti i componenti del gruppo. Ho sempre giocato sulla fascia destra, lì mi trovo più a mio agio ma giocherei in qualsiasi posizione. Sono arrivato qui con forti ambizioni, volevo riscattare stagioni passate in cui non riuscivo a esprimermi come volevo. Per me è stata una decisione fantastica, l’infortunio fa parte del gioco: continuo a lavorare. Il goal mi mancava, è importante per un attaccante».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *